Il Sentire del secondo Chakra proseguimento

Dice Anodea Judith:"Il secondo chakra, centro delle sensazioni e del sentire, delle emozioni e del piacere, dell'intimità, dei legami, del movimento viene invece girato e ritorto, schiacciato e sbrindellato, tagliando così la capacità percettiva della mente dalla radice sensibile del corpo..... Recuperare il secondo chakra per reclamare il nostro diritto a sentire, che spessimo ci viene carpito, inibito, giudicato, criticato, distorto nell'infanzia. ROMPERE VECCHI SCHEMI ABBANDONARE ENERGIE STANTIE, ENTRARE NELLA DIMENSIONE DEI CHAKRA PER AVERE LE TECNICHE E LE CONOSCENZE CHE SOSTENGONO LA NOSTRA CRESCITA. I principali aspettirelazionali per cui si crea un disequilibrio nel secondo chakra sono: Rapporti genitoriali basati sull freddezza e il distacco Mancanza di carezze e di contatto fisico Repressioni delle espressioni spontanei dei bambini piccoli Negazione degli stati emotivi dei bambini Restrizione corporre (per esempio tenerli per ore nel box) e di movimento Padri o madri alcolizzati o tossicodipendenti o con disturbi alimentari, poichè sono tutti disturbi che anestetizzano la capacità di Sentire gli stati d'animo della bambina/o, di prendersi cura dei suoi bisogni Padri o madri che hanno subito incesti o abusi fisici, emotivi, sessuali che sono tuttora negati, messi nel dimenticatoio come un qualcosa che non c'entra con la loro vita attuale. Bene tutti questi aspetti indicano che se siamo cresciuti con queste modalità o che se le stiamo mettendo in atto con un nostro figlio abbiamo un disequilibrio profondo sull'asse del Sentire, quindi abbiamo sentimenti congelati nel nostro essere che abbisognano di essere liberati e ed espressi. Il Sentire si blocca sempre su due fronti quello emotivo e quello fisico, per cui le emozioni bloccate, punite, represse si addensano sui muscoli, sugli organi, del Corpo e vanno creare contratture, tensioni, dolori che se non compresi cronicizzano nel fisico e nella psiche rendendoci la vita dolorosa, difficoltosa, o comunque con aspetti importanti che non riusciamo a risolvere.

Commenti